Uto

Uto

Uto Uto un giovane geniale e bellisimo sprigona un fascino irresistibile un energia travolgente una forza ribelle che squarcia il volto di ogni ipocrisia Cesare De Michelis

  • Title: Uto
  • Author: Andrea De Carlo
  • ISBN: 9788845230639
  • Page: 424
  • Format: Paperback
  • Uto un giovane geniale e bellisimo, sprigona un fascino irresistibile, un energia travolgente, una forza ribelle che squarcia il volto di ogni ipocrisia Cesare De Michelis

    • ✓ Uto || ☆ PDF Download by ✓ Andrea De Carlo
      424 Andrea De Carlo
    • thumbnail Title: ✓ Uto || ☆ PDF Download by ✓ Andrea De Carlo
      Posted by:Andrea De Carlo
      Published :2019-06-23T11:44:23+00:00

    381 Comment

    De Carlo ha scritto una roba straordinaria. Ora, io non ho letto nient'altro di suo, ma se dovessi giudicarlo come autore esclusivamente a partire da Uto potrei dirne solo benissimo. Non solo ha creato un personaggio principale accattivante ed originale nonostante sia agghiacciante e spaventoso, ma gli ha costruito addosso e attorno una storia perfetta da ogni punto di vista, sia nei personaggi secondari che gli fanno da contraltare (in special modo Vittorio, il marito di Marianne, la donna che [...]

    2/10A tratti mi sembrava di leggere Baricco: spocchiosetto, parole inutili gettate a caso, incensamento dei Veri Ideali Ovvero Il Pensiero Dell'Autore ogni tre per due. Inoltre, questo libro non ha nemmeno la demenziale attitudine al puro casaccio del Baricco, che perlomeno lascia attoniti col suo infilare un'assurdità random dietro l'altra: a parte la svolta di Uto, perfettamente immotivata e OOC, la trama si strotola tra righe ordinate di Banalità Sbadiglianti, e non appena entra in scena un [...]

    Uno dei miei libri preferiti. Letto tanto tempo fa, ricordo ancora con piacere la trama e come veniva delineato il personaggio. I sentimenti e le aIoni di un adolescente in una dimensione così diversa sono molto realistici e ben descritti.

    Mi ha un po’ disturbato lo stile misto ( passa dalla prima alla terza persona quasi senza preavviso ) ma il libro mi è piaciuto. Il personaggio di Uto è incredibile, ben “piazzato” nella trama, palpabile. Lo puoi vedere, ci puoi parlare, riesci quasi a prevedere le sue mosse e a tratti è possibile ragionare al pari suo. La famiglia è davvero tragica e comica allo stesso tempo: è una bolla pronta ad esplodere, un filo tirato in un maglione costoso, la macchia di caffè che si scioglie [...]

    Si sa: lo stile di De Carlo è uno di quelli che divide, non ci sono mezze misure. Si devono accettare le sue storie incredibili e le sue frasi ad effetto ( "invece ho incontrato Marianne, e con lei ho scoperto il gusto di esserci. Di usare il cuore e le mani per lasciare traccia nella vita e nelle persone"), spesso troppo costruite, quasi fastidiose nel loro voler essere notate a tutti i costi Io peró, nonostante tutto, ci vedo della poesia e questo libro lo consiglio a chi, ogni tanto, ha vog [...]

    Con questo libro ho scoperto De Carlo.Il tema è inconsueto per un romanzo, ci conduce nel mondo delle comunità che propongono uno stile di vita alternativo, mostrandoci limiti e pregi di esse.Ho amato molto il protagonista Uto, giovane adolescente milanese, ribelle e instabile anche per vicende familiari subite che viene catapultato in America, in una famiglia che vive appunto in una di queste comunità.Inizialmente guarderà tutto e tutti con grande diffidenza e superiorità quasi con spietat [...]

    La lettura di questo libro mi ha provocato sensazioni molto contrastanti. All'inizio non riuscivo ad entrare bene nei pensieri del protagonista e quasi mi annoiavo. Dal momento in cui Uto comincia a dialogare con i membri della famiglia invece di osservare soltanto e le cose cominciano a muoversi dentro e fuori e' stato invece molto travolgente. Avrei dato una valutazione piu' alta se non fosse per la fine della storia che ho trovato del tutto improbabile e fuori posto. Sembra quasi uno scherzo [...]

    Un personaggio nuovo, i toni sfumati, i temi del sogno quotidiano. Ancora una speranza da De Carlo. Incomprensibili le stroncature se non in un quadro di compiacenza culturale e politica. Ma io garantisco si può essere di sinistra e amare le storie di De Carlo. Segnalo la misoginia della critica che ascrive i successi di pubblico dello scrittore all'ascendente personale di De Carlo sulle lettrici.

    Non avrei mai creduto mi piacesse.Lo stile all'inizio affascina, poi stanca un po'.Ma al contrario, il personaggio che all'inizio appare scontato e stomachevole, alla fine sorprende. Ed io mi sono ritrovato a fare il tifo per lui.Una vera sorpresa, un libro che intacca lo smalto delle apparenze senza sbilanciarsi in giudizi. Da leggere per tutti coloro che sono sicuri, ma davvero sicuri, di essere buoni dentro.

    a me i libri cos�� mi indignano.<br />perch�� sono talmente brutti che mi fanno gridare al ladro per il tempo sprecato. perch�� �� cos�� scontatamente banale da non riuscire a capire perch�� mai il suo autore se la tiri tanto. perch�� non ho avuto pi�� il coraggio di leggere niente di de carlo, nonostante in molti giurino che "due di due" sia assolutamente da non perdere :-)

    Questo libro ha un merito: è una delle pagine più irritanti della narrativa contemporanea.Non mi sono ancora mai imbattuta in un protagonista altrettanto insulso e odioso.Da record.

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *